Tempo Libero

pubblicato in: Blog | 0

Passeggiare alla scoperta della Paray Auta permette di entrare in contatto con molteplici motivi di interesse. I tre pannelli d’ingresso, posti quasi fossero i vertici di un triangolo ci introducono a tre diverse aree piuttosto disomogenee tra loro.

paesaggio
L’ingresso posto nei pressi della scuola media “L. Da Vinci” nel quartiere Bellavista di Ivrea, introduce al Sentiero Blu che affiancando la Torre Maridon incontra una palude e un bosco planiziale per proseguire fino ad incontrare il Sentiero Marrone al quale si può accedere direttamente dall’ingresso contrassegato dal pannello posto lungo la via Circonvallazione di Pavone. Qui, in un ambiente caratterizzato dai boschi e dal loro interessate sottobosco possiamo incontrare alcuni animali che vi abitano o osservare le tracce. Alle sommità incontriamo il Sentiero Verde che, come il Sentiero Giallo, si può raggiugere esclusivamente percorredo altri sentieri.

torre-maridon
Si tratta di percorsi caratterizzati da una natura variegata, ma anche da elementi di particolare interesse geologico “sedile della Madonna” di tipo archeologico e “Coppelle” di tipo artistico, la Cappella di San Grato con il romitorio, nei pressi della quale si trova un’area attrezzata con panche e tavoli. Il Sentiero Giallo si può raggiugere dal basso anche percorredo il Sentiero Rosso che vede il proprio ingresso contrassegnato dal pannello posto presso l’ex Chiesa di Santa Marta, a lato della Chiesa Parrocchiale di Sant’Andrea. E’ il percorso più breve e attraversa, snodandosi lungo le mura del castello, tutto il Borgo Medioevale.

acquitrino
 

Lascia una risposta